Inestetismi e
gonfiore alle gambe sono solo alcuni sintomi di una patologia ben più
complessa, la malattia venosa cronica. Eppure secondo un’indagine Doxa le donne
italiane non lo sanno. Crampi e formicolii, gambe gonfie e pesanti, capillari e
vene varicose. Ma quanto ne sanno davvero le donne italiane dei disturbi della
circolazione venosa? Poco; secondo una ricerca condotta su oltre 500 donne
italiane tra i 35 e i 45 anni, infatti, rivela una scarsa conoscenza di quelli
che sono i sintomi di una patologia complessa come la malattia venosa cronica,
delle sue conseguenze a lungo termine e della prevenzione che si può fare anche
in giovane età.

Una  donna su due tra i 35 e i 45 anni ha sofferto
o soffre di disturbi alle gambe, in particolare gonfiore , presenza di vene
varicose , senso di pesantezza , dolore . Sintomi fastidiosi che, per il 50%
delle intervistate, hanno anche un impatto psicologico notevole, dovuto
soprattutto alla visibilità degli inestetismi 
e alle limitazioni nello stile di vita .

Eppure, ciò che le
donne vivono nella quotidianità è ben lontano da ciò che pensano. La comparsa
di inestetismi, piuttosto che la sensazione di gonfiore e pesantezza alle
gambe, sono identificate in modo generico come problemi di circolazione venosa,
spesso percepiti slegati da una patologia che può peggiorare col tempo.
Dall’indagine emerge che non c’è consapevolezza che la malattia venosa si
esprima con una sintomatologia differente in funzione dei diversi stadi di
evoluzione, e ciò induce le donne a sottovalutare i segni, e dunque i rischi,
che la malattia stia progredendo”.

 Una conoscenza superficiale del problema, dunque, accompagnata talvolta
da convinzioni errate come quella di ritenere la malattia venosa cronica in un
certo qual modo ineluttabile in quanto legata a una predisposizione genetica,
piuttosto che una patologia sì delle donne, ma che colpisce solo in età adulta
se non anziana. È così che fattori di rischio come le gravidanze o il tipo di
lavoro svolto vengono minimizzati. La confusione che aleggia tra le donne
italiane sul tema si riflette anche nel fatto che l’idea che i disturbi della
circolazione venosa siano legati all’invecchiamento non trova riscontro
nell’esperienza personale delle intervistate, dal momento che già prima dei 45
anni ne ha sofferto 1 donna su 2.

Troppo spesso si
ignora che la malattia non solo può essere curata, ma che esiste anche la
possibilità di evitarla. E non si parla solo di attenuare i sintomi, ma di
agire sulle cause della malattia attraverso interventi mirati, magari con un
approccio terapeutico adeguato si attua innanzitutto con una modificazione
importante dello stile di vita, che consiste nell’attivare un controllo
ponderale, fare attività fisica, evitare di stare in piedi fermi per lunghi
periodi di tempo, correggere la postura, usare scarpe adeguate, utilizzare le
calze elastiche. Ma non solo, esistono dei farmaci dalla provata efficacia
clinica che possono aiutare ad evitare la progressione della malattia,
controllandone al tempo stesso la sintomatologia, molecole me che agiscono
sull’infiammazione delle vene alla base dell’insorgenza della patologia.

Presso l’Ortopedia
Cossia puoi trovare tutto ciò che serve per prevenire problemi circolatori alle
gambe, dalle calze elastiche preventive a quelle curative, alle calzature
comfort ed ai plantari predisposti a quelli personalizzati. Inoltre, presso lo
spazio destinato alla medicina specialistica, Progetto salute, si può ricevere
la consulenza del CHIRURGO VASCOLARE per avere, ove e quando serve, l’adeguata
terapia farmacologica e le idonee indicazioni per la salute degli arti
inferiori.

Questa è la stagione
ideale per eliminare i fastidiosi inestetismi, conosciuti comunemente come
capillari, che rovinano l’estetica delle gambe.

Presso l’Ortopedia
Cossia puoi trovare tutto ciò che è indispensabile per preparare le tue gambe
ad affrontare la nuova stagione in salute e bellezza!