MANGIARE BENE PER VIVERE BENE!

A tavola siamo portati quotidianamente a scegliere e i gusti personali sono solo uno dei tanti fattori che ci condizionano. Sempre più spesso si tende ad escludere, ridurre o aumentare il consumo di alcuni alimenti nel tentativo di seguire regimi dimagranti, vegetariani , per intolleranze , allergie o altro. Tuttavia non è mai corretto escludere del tutto una categoria di alimenti (tranne in casi particolari), né lo è l’aumentare in maniera esagerata il consumo di altri.

Vediamo di seguito gli effetti dei singoli elementi su organi, tessuti e in definitiva, sulla salute dell’intero organismo.

  • I grassi della carne e dei formaggi trasportati dal sangue possono scatenare la produzione di chitochine che infiammano le vie respiratorie favorendo l’insorgenza di allergie.
  • Troppi grassi animali rendono più rigide le membrane muscolari accelerandone l’invecchiamento. L’apporto sbilanciato di carboidrati e vitamine può rendere i muscoli meno efficienti.
  • Il colesterolo riveste le membrane delle cellule del cuore rendendole rigide ed ostacolando il passaggio dei segnali elettrici.
  • Una parte dei grassi saturi viene metabolizzata nell’intestino, si accumula nel sangue e forma “tappi” nei vasi, ostruendo la circolazione sanguigna. Alcuni grassi saturi facilitano l’insorgenza di malattie come l’artrite reumatoide.
  • Le proteine contenute nella carne rendono acido l’ambiente; le ossa rilasciano allora il  calcio per ristabilire l’acidità corretta favorendo così l’osteoporosi.

Alcune delle malattie legate alla cattiva alimentazione creano nell’organismo danni tali da danni da essere la causa di morte: per prevenire e curare l’ictus ischemico, che è una delle malattie che causano il maggior numero di decessi, l’alimentazione sana e corretta è fondamentale.

 PROGETTO SALUTE” dell’Ortopedia Cossia mette a disposizione medici specialisti per aiutare a mantenerti in forma perfetta e ti ricorda che “ LA PREVENZIONELLUNGA LA VITA”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *