la moda mare di “PEPITA”

Pepita è un brand ironico e glamour, chic e sbarazzino, moderno e romantico, perfetto nel rappresentare ogni donna nel suo essere multi-sfaccettato. Prima sono stati i pigiami che sono diventati homewear e poi in&out, ora, da qualche anno e con sempre maggiore convinzione, Pepita è anche costumi e abbigliamento mare che non si può definire solo “fuori-acqua”.

I COLORI DELLA
PRIMAVERA ESTATE 2015

Freschi, leggeri e sbarazzini. I colori della primavera estate 2015 richiamano colori eterei e pastello che ci portano con la mente in campi fioriti, acque cristalline e spiagge esotiche. Un mix efervescente di colori caldi – dall’ecrù ai toni del panna e dei beige, messi a contrasto con il rosso papavero e l’arancio – accostati a tonalità più rilassanti ma allo stesso tempo energiche del blu e del grigio. Non poteva mancare il tocco di romanticismo senza tempo delle nuance dei rosa.

ARANCIO/ROSSO. Colore energico e versatile, sbarazzino e allegro che richiama il tono caldo delle giornate di sole e delle gite fuori porta. E basta aggiungere una punta in più di rosso per ottenere un color papavero, deciso e luminoso.

BEIGE. Un colore neutro, autentico e naturale, ma soprattutto sempre chic. Con le sue tonalità ambrate suggerisce il caldo e romantico sapore dell’estate.

VERDE. Rinfrescante e ideale per la primavera/estate. Che sia menta o fluo, il verde è una variante sempre valida per ogni occasione.

BLU. Affidabile e riflessivo, è un colore che ispira calma, fiducia e armonia. Nelle sue sfumature più delicate richiama alla mente le profonde acque delle isole greche. Ma con il tono più deciso del jeans esprime allo stesso tempo energia, vitalità dal sapore vintage.

GRIGIO. Colore neutro e senza tempo che trasmette un senso di piacevole relax. Per la sua versatilità può essere facilmente abbinato a moltissime nuance.

ROSA. Delicato, morbido e elegante. Dona sempre un tocco di romanticismo a qualsiasi outfit.

Qual è il tuo preferito?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *