ALIMENTAZIONE E SALUTE:guida per una sana alimentazione

  “PROGETTO  SALUTE”                                                                                                                                                                             studi medici specialistici dell’ORTOPEDIA COSSIA

                                                                                     Presenta:

                                                                  ALIMENTAZIONE E SALUTE                                                                                                                                                                             a cura della Dietologa, Specialista in Scienze alimentari,

                                                          Dott.sa MIRIAM ROSSI

Nei Paesi occidentali il cambiamento delle abitudini alimentari e dello stile di vita ha portato ad una alimentazione scorretta e ad una drastica riduzione dell’attività fisica con conseguenze negative sulla salute e sulla qualità della vita. Pur tenendo in considerazione il ruolo giocato dalla genetica e dai fattori ambientali sull’insorgenza delle cosiddette malattie “da civiltà” oggi prevalenti tra cui obesità, diabete di tipo 2, ipertensione,arteriosclerosi, patologie cardiovascolari ed alcuni tipi di tumore, è risaputo che un’alimentazione squilibrata,ricca di calorie, grassi saturi, zuccheri semplici e sale, associato ad un basso livello di attività fisica, rappresenta un importante fattore causale o concausale per queste patologie metaboliche e degenerative., combattere i comportamenti alimentari e gli stili di vita scorretti è una strategia preventiva che può contribuire ad incrementare la durate della vita e a migliorarne la qualità

Anche gravi carenze acute o croniche di nutrienti essenziali incidono negative sullo stato di salute, così come alimenti di cattiva qualità, contaminati o conservati in modo scorretto possono costituire fattori di rischio o causa di gravi malattie.

Aumentare le conoscenze sui rischi alimentari, combattere i comportamenti alimentari e gli stili di vita scorretti è una strategia preventiva che può contribuire ad incrementare la durata media della vita ed a migliorarne la qualità, aumentando nel contempo il benessere psicofisico della popolazione.

LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

Le Linee Guida per una sana alimentazione italiana, messe a punto dall’Istituto Nazionale della Nutrizione per la prima volta nel 1986, aggiornate nel 1997 e successivamente nel 2003, rappresentano uno strumento fondamentale per indirizzare la popolazione verso la scelta di un comportamento alimentare che contribuisca a mantenere o a incrementare un buon stat

  “PROGETTO  SALUTE”                                                                                                                                                                             studi medici specialistici dell’ORTOPEDIA COSSIA

                                                                                     Presenta:

                                                                  ALIMENTAZIONE E SALUTE                                                                                                                                                                             a cura della Dietologa, Specialista in Scienze alimentari,

                                                          Dott.sa MIRIAM ROSSI

Nei Paesi occidentali il cambiamento delle abitudini alimentari e dello stile di vita ha portato ad una alimentazione scorretta e ad una drastica riduzione dell’attività fisica con conseguenze negative sulla salute e sulla qualità della vita. Pur tenendo in considerazione il ruolo giocato dalla genetica e dai fattori ambientali sull’insorgenza delle cosiddette malattie “da civiltà” oggi prevalenti tra cui obesità, diabete di tipo 2, ipertensione,arteriosclerosi, patologie cardiovascolari ed alcuni tipi di tumore, è risaputo che un’alimentazione squilibrata,ricca di calorie, grassi saturi, zuccheri semplici e sale, associato ad un basso livello di attività fisica, rappresenta un importante fattore causale o concausale per queste patologie metaboliche e degenerative., combattere i comportamenti alimentari e gli stili di vita scorretti è una strategia preventiva che può contribuire ad incrementare la durate della vita e a migliorarne la qualità

Anche gravi carenze acute o croniche di nutrienti essenziali incidono negative sullo stato di salute, così come alimenti di cattiva qualità, contaminati o conservati in modo scorretto possono costituire fattori di rischio o causa di gravi malattie.

Aumentare le conoscenze sui rischi alimentari, combattere i comportamenti alimentari e gli stili di vita scorretti è una strategia preventiva che può contribuire ad incrementare la durata media della vita ed a migliorarne la qualità, aumentando nel contempo il benessere psicofisico della popolazione.

LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

Le Linee Guida per una sana alimentazione italiana, messe a punto dall’Istituto Nazionale della Nutrizione per la prima volta nel 1986, aggiornate nel 1997 e successivamente nel 2003, rappresentano uno strumento fondamentale per indirizzare la popolazione verso la scelta di un comportamento alimentare che contribuisca a mantenere o a incrementare un buon stato di salute:

  1. controlla il peso e mantieniti sempre attivo
  2. più cereali, legumi,ortaggi e frutta
  3. grassi:scegli la qualità e limita la quantità
  4. zuccheri,dolci,bevande zuccherate, nei giusti limiti
  5. bevi ogni giorno acqua in abbondanza
  6. il sale’ meglio poco
  7. bevande alcoliche: se si, solo in quantità limitata
  8. varia spesso le tue scelte a tavola
  9. consigli speciali per persone speciali
  10. la sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te.

 

o di salute:

  1. controlla il peso e mantieniti sempre attivo
  2. più cereali, legumi,ortaggi e frutta
  3. grassi:scegli la qualità e limita la quantità
  4. zuccheri,dolci,bevande zuccherate, nei giusti limiti
  5. bevi ogni giorno acqua in abbondanza
  6. il sale’ meglio poco
  7. bevande alcoliche: se si, solo in quantità limitata
  8. varia spesso le tue scelte a tavola
  9. consigli speciali per persone speciali
  10. la sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te.

 

BENE DENTRO BELLI FUORI!!!!!!!!!!!!

 IL BENESSERE NASCE DA DENTRO!

 

Il programma di prevenzione sanitaria, che partirà a fine marzo, promossa dagli studi medici dell’ORTOPEDIA COSSIA a Somma Lombardo in collaborazione con i medici specialisti;

CHIRURGO VASCOLARE,

PSICOLOGA,

DIETOLOGA SPECIALISTA IN SCIENZA ALIMENTARE,

RIFLESSOLOGA.

                                                     Il programma prevede:

                                                        EU. 30,00 per

Visita vascolare +ecodoppler a cura del CHIRURGO VASCOLARE

MISURAZIONE della pressione arteriosa e della rigidità delle arterie

MISURAZIONE della saturazione di ossigeno del sangue

1 paio calze elastocompressive riposanti.

 

                                        EU. 30,00 per

Una consulenza di valutazione con la DIETOLOGA

MISURAZIONE delle masse corporee

TEST DI VALUTAZIONE di 11 valori delle urine

                                              

UNA CONSULENZA  con la PSICOLOGA  GRATUITA

30 MINUTI di trattamento di RIFLESSOLOGIA LANTARE GRATUITO

 

 

VISITE SPECIALISTICHE D’ECCELLENZA A PREZZI ECCELLENTI!!!

UN’OCCASIONE SPECIALE PER MIGLIORARE LA TUA QUALITA’ DI VITA.

 

NEGLI STUDI MEDICI DELL’ORTOPEDIA COSSIA UN’EQUIPE DI SPECIALISTI FA DELLA TUA SALUTE IL PROPRIO TRAGUARDO DI LAVORO.

 

LA PREVENZIONE ALLUNGA LA VITA!!!!!

IL BENESSERE NASCE DA DENTRO!

 

Il programma di prevenzione sanitaria promossa dagli studi medici dell’ORTOPEDIA COSSIA a Somma Lombardo in collaborazione con i medici specialisti;

CHIRURGO VASCOLARE,

PSICOLOGA,

DIETOLOGA SPECIALISTA IN SCIENZA ALIMENTARE,

RIFLESSOLOGA.

                                                Il programma prevede:

                                            EU. 30,00 per

 

Visita vascolare +ecodoppler a cura del CHIRURGO VASCOLARE

MISURAZIONE della pressione arteriosa e della rigidità delle arterie

MISURAZIONE della saturazione di ossigeno del sangue

1 paio calze elastocompressive riposanti.

 

                                        EU. 30,00 per

Una consulenza di valutazione con la DIETOLOGA

MISURAZIONE delle masse corporee

TEST DI VALUTAZIONE di 11 valori delle urine

 

                                              

UNA CONSULENZA  con la PSICOLOGA  GRATUITA

30 MINUTI di trattamento di RIFLESSOLOGIA LANTARE GRATUITO

 

 

VISITE SPECIALISTICHE D’ECCELLENZA A PREZZI ECCELLENTI!!!

UN’OCCASIONE SPECIALE PER MIGLIORARE LA TUA QUALITA’ DI VITA.

 

NEGLI STUDI MEDICI DELL’ORTOPEDIA COSSIA UN’EQUIPE DI SPECIALISTI FA DELLA TUA SALUTE IL PROPRIO TRAGUARDO DI LAVORO.

 

Per informazioni e/o prenotazioni telefonare a Ortopedia Cossia 0331256467  o  3498623358

 

 

 

PROGETTO SALUTE PRESENTA

E ORA SCOPRIAMO LE GAMBE!!!!!!!!

Le gambe sono , in tema femminile, le assolute “prime attrici “ sul palcoscenico del fascino, ma rappresentano anche uno dei punti vulnerabili del corpo: si gonfiano facilmente con il caldo e spesso hanno problemi di cattiva circolazione.

Prima di tutto, quindi, per la bellezza delle nostre gambe c’è sempre l’attività fisica, che favorisce la circolazione , ostacola i ristagni, scongiura il rigonfiamento delle cellule adipose all’origine di cellulite, vene varicose, pesantezza, dolori!

L’arrivo del caldo è una delle cause scatenante del dolore alle gambe: per prima cosa è indispensabile controllare la corretta postura dei piedi , poi, soprattutto nei casi di predisposizione familiare, sottoporsi ad un ceck up di controllo della funzionalità del circolo venoso degli arti ed eventualmente decidere con lo specialista la terapia più idonea.

Gli inestetismi che spesso affliggono le gambe e ne deturpandone la bellezza possono essere risolte con trattamenti di  sclerosi che a una doppia funzione: quella funzionale e quella estetica. La terapia è una tecnica molto diffusa per eliminare gli inestetismi derivanti dalla dilatazione patologica dei distretti capillari e venulari degli arti inferiori.

La scleroterapia è d’indicazione assoluta anche nei casi in cui il territorio coperto da varici è sede di sintomatologia dolorosa, spesso indicata come bruciore dal paziente. I risultati sono, anche in questi casi veramente eccezionali…..

Il nostro specialista:” CHIRURGO VASCOLARE”  E’ A TUA DISPOSIZIONE PRESSO I NOSTRISTUDI MEDICI”PROGETTOSALUTE” in via Fuser 4 a Somma Lombardo per un CECK UP di valutazione.

 

 

MENOPAUSA: GLI EFFETTI

Con la menopausa la donna viva un senso di perdita, una situazione che può diventare triste, in cui si smarrisce e nella quale spesso perde la prospettiva che potrebbero esservi nel futuro.

E’ evidente come ogni donna si ritrovi a vivere questo momento con diversa intensità, sentimenti e stati d’animo, in ragione del proprio carattere e della propria storia. Se sarà capace di affrontare i cambiamenti, se sarà sufficientemente forte ed affronterà il futuro in modo ottimistico e realista, potrà senz’altro vivere in modo alquanto diverso rispetto ad una donna paurosa e pessimista. Se la donna ha il coraggio di accettare questa sfida e cambiare i suoi punti di riferimento, potrà cogliere la positività di questa fase della vita e restare nella vita sociale portando con sé il suo patrimonio di conoscenza ed esperienza

Una generazione fa la menopausa segnava l’inizio di una rapida decadenza, tutto era già avvenuto, non vi erano più prospettive interessanti, l’unica casa da farsi ere quella di rassegnarsi ed aspettare serenamente la fine.

Oggigiorno la menopausa coglie mediamente la donna poco dopo la metà della sua esistenza, perciò rimane tanta vita da vivere e molte cose che si possono realizzare, per alcune sarà proprio in questo futuro che si potrà realizzare quanto, per motivi famigliari o di lavoro, non hanno potuto fare in precedenza.

Una delle condizioni fondamentali per affrontare al meglio la menopausa è la conoscenza degli inevitabili effetti che ha sull’organismo della donna; questi effetti vengono generalmente così distinti:

EFFETTI PRECOCI:

·                                       Disturbi vasomotori correlati al sistema di termoregolazione corporea che causano vampate di calore, sudorazione e brividi.

·                                       Disturbi correlati all’irregolarità del ciclo mestruale.

·                                       Disturbi psicologici che si manifestano con la perdita di fiducia in sé, ansia, depressione instabilità dell’umore, difficoltà a prendere decisioni, insonnia, perdita di memoria e mancanza di concentrazione.

·                                       Depressione:Per depressione si intende un “abbassamento” del tono dell’umore. La menopausa può creare una forma di depressione diversa da quella tradizionale o endogena, in quanto dipende anche da fattori fisici e non si propone solo come una patologia della personalità continuamente caratterizzata da disperazione, pianto, desiderio di morte, riduzione delle attività e perdita di appetito.

EFFETTI INTERMEDI:

·                                       :                                                                                                                                                                                          Perdita di collagene: questa sostanza che conferisce elasticità ai tessuti, nei primi 5 anni che seguono la menopausa, si riduce di circa il 30% creando delle problematiche in vari organi e apparati:

-a livello dell’apparato urogenitale si può avere la perdita di tono del sistema muscolare con l’insorgere di problemi di incontinenza o di prolassi;

 anche il derma, disponendo di meno collagene, perde elasticità, quindi la pelle tende a diventare secca e sottile. Alla scarsità di collagene potrebbero essere ricondotti anche i dolori ossei  e articolari che compaiono dopo la menopausa.

·                                       Atrofia urogenitale. La mancanza di estrogeni provoca una processo di atrofia, cioè di riduzione delle dimensioni, degli organi genitali.

·                                       . Riduzione del desiderio sessuale. Con l’avanzare degli anni la frequente riduzione del desiderio può dipendere dalla riduzione degli ormoni, ma, e soprattutto,  dal condizionamento culturale, dal non sentirsi più desiderabile e desiderata come in precedenza, dallo stato di salute generale.

Gli effetti precoci e intermedi, pur essendo assai fastidiosi non costituiscono mai un rischio per la vitaquelli tardivi,che andremo a valutare nella prossima pubblicazione, sono invece molto più pericolosi in quanto lavorano subdolamente e quando si manifestano può essere troppo tardi per poterli rimediare.

Presso gli studi medici dell’ORTOPEDIA COSSIA, un’equipe di specialisti sono a disposizione per permettere ad ogni donna di vivere serenamente ed in piena salute la “menopausa” scoprendo e approfittando delle meravigliose opportunità che questo ciclo della vita della donna può riservare.

Telefona allo 0331 256467 per prenotare una consulenza con:

GINECOLOGA,PSICOLOGA,DIETOLOGA,NEUROLOGO, ORTOPEDICO, FISIATRA, CHIRURGO VASCOLARE,

FISIOTERAPISTA, OSTEOPATA,PODOLOGA, RIFLESSOLOGA

MENOPAUSA: se la conosci non la temi! (parte1)

La parola “menopausa” deriva dalla parola greca pauein, che significa terminare, infatti indica la fine della funzione riproduttiva e, in alcuni casi, l’inizio di svariate problematiche . Infatti, con l’ultima mestruazione (che, per definizione, segna il principio della menopausa) la donna va incontro a cambiamenti fisici e psicologici che possono minacciare la sua salute e rendere meno stabile il mondo emozionale aumentando il rischio di depressione     Nel corso degli anni nel corpo della donna avvengono cambiamenti rilevanti: i seni cambiano tono e dimensione e ciò può essere causa di pesanti frustrazioni , generare sensi di inadeguatezza e timori, rendendo evidente la caducità della vita.     Con la menopausa tutto il corpo si trasforma, spesso diventa un estraneo, non più amato e talvolta per molte donne lo specchio diventa un nemico da evitare; un nemico impietoso che mostra quegli aspetti corporei che nessuna donna vorrebbe vedere.   Quando termina il ciclo mestruale cessa anche la produzione di alcuni ormoni che non solo servono per la funzione riproduttiva, ma rivestono pure un ruolo protettivo per il sistema cardiocircolatorio, la struttura delle ossa ed altri fattori fondamentali per la salute. Talvolta la menopausa può apparire precocemente, anche prima dei quarant’anni e può essere “spontanea” o “iatrogena” quando causata da cure   mediche  o interventi chirurgici .                                                                                                                                                                Attualmente i problemi dovuti alla menopausa ed al periodo che ne segue hanno assunto un peso notevole. Verso l’inizio del secolo scorso, invece, lo erano molto di meno perché la durata media della vita nei paesi civilizzati superava appena i 50 anni, mentre ora è normale arrivare a superare i 75 anni e sempre più frequentemente arrivare anche al novantesimo compleanno.

Appare perciò evidente che oggi la menopausa, anziché segnare l’avvicinarsi della fine della vita, coincide con l’inizio di un periodo che ricopre parecchi anni delle vita della donna; un periodo che dovrebbe essere vissuto sostituendo nuovi valori a quelli che hanno motivato gli anni della giovinezza e della maturità, come la maternità, che non sono più disponibili.” Il contadino, infatti, non piange perché non ha più i semi che ha seminato, ma gioisce del raccolto con cui si può nutrire nei rigori invernali.”(cit)

E’ interessante notare come in India, dove si attribuiscono dei valori alle donne che attraversano questa fase della vita, il periodo della menopausa viene vissuto con molti meno disturbi. Lo stesso accade in Israele, dove le donne che hanno raggiunta la menopausa possono vivere più liberamente e hanno maggiori diritti nella società.

Tutto questo dimostra come, ad aggravare la sintomatologia della donna in post-menopausa, non sia solo il cambiamento dei livelli ormonali, ma anche e soprattutto l’approccio corrente nei confronti dell’invecchiamento, considerato come qualcosa di anomalo: un nemico che deve essere contrastato e vinto con ogni mezzo possibile (chirurgia plastica, farmaci, ginnastica, lifting, …).

Talvolta compaiono disturbi del sonno o risvegli frequenti o spossatezza senza motivo apparente. Possono comparire anche disturbi dell’umore, malinconie, irritabilità e nervosismo, Altre volte ci si sveglia all’improvviso con una tachicardie che preoccupa e può creare delle angosce. Raramente si pensa alla carenza di ormoni e, se il disturbo si ripete, è consigliabile una visita dal cardiologo .Molte donne sono angosciate perché il corpo cambia, e cambia in peggio. A volte il peso può aumentare ancor prima dei prima dei 35 anni, e il grasso si accumula sulla pancia e sulla vita. Anche il desiderio sessuale diminuisce e talvolta sparisce addirittura,                                                                                                                               Il periodo della menopausa e quello della post-menopausa sono caratterizzati da varie problematiche fisiche e psichiche. A tutti gli effetti questo periodo porta ad un brusco e radicale mutamento della situazione ormonale, siccome gli estrogeni possiedono un’azione, diretta o indiretta, su quasi tutti gli organi e gli apparati del corpo, la loro mancanza può creare vari tipi di problematiche.

Ogni donna vive gli effetti della menopausa in un modo suo proprio: alcune la vivono senza particolari disturbi,altre, invece, la vivono come un incubo, tormentate da problemi psichici e fisici che alterano gravemente la qualità della vita. Attualmente non è possibile prevedere quando inizierà e come sarà la menopausa di ogni singola donna, solitamente i disturbi maggiori sono riscontrati nelle le donne che entrano in menopausa precocemente o in quelle che vanno in menopausa a causa dall’asportazione chirurgica delle ovaie

 

“PROGETTO ROSA” a cura degli studi medici dell’Ortopedia Cossia in collaborazione con la GINECOLOGA, la PSICOLOGA e la RIFLESSOLOGA dedica un programma di prevenzione sanitaria per le donne.

I cicli di vita della donna : GRAVIDANZA tempo di gioia e paure!

Diventare mamma è  un evento di grande  importanza  per la donna, un momento di gioia, di grandi emozioni,un momento ricco di speranze ma anche di timori. La gravidanza oggi è maggiormente consapevole perché  frutto di una scelta della donna e della coppia ed è quindi più facile impegnarsi per evitare ogni possibile rischio per la madre e per il nascituro. I consigli per affrontare una gravidanza in tranquillità e sicurezza sono raggruppabili in due aree: i consigli per un corretto stile di vita della futura mamma e le indicazioni per gli esami diagnostici adeguati per evitare e individuare anche precocemente ed affrontare eventuali problematiche.

Per quanto concerne il corretto stile di vita, ormai quasi tutte le donne, quando si rendono conto di essere incinte, iniziano a prendere precauzioni e a curare maggiormente la propria salute. Bisogna però tenere presente che gli organi del nascituro si formano nelle prime dieci settimane di gravidanza, dopo di che, fondamentalmente, l’embrione si è formato completamente e inizia il “periodo fetale” in cui gli organi precedentemente formati si sviluppano e perfezionano il loro funzionamento.

In genere, però, la donna scopre di essere incinta tra la sesta e l’ottava settimana o più tardi, quindi quando l’embrione ha già fatto una buona parte del suo percorso di sviluppo. Per questo, quando sia possibile programmare la gravidanza è meglio iniziare a correggere le abitudini di vita anche prima di intraprendere il percorso. 
Per prima cosa ,e ancor meglio se in fase pre concezionale, sarebbe necessario rivolgersi al medico di fiducia per una consulenza complessiva per la coppia Sulla base, quindi, di una prima valutazione anamnestica, il medico potrà decidere gli esami di laboratorio da effettuare e fornire tutte le informazioni e i consigli necessari. Un altro elemento molto importante sono le vaccinazioni. Non tutte le malattie infettive eventualmente prese in gravidanza possono avere effetti negativi sul nascituro, ma alcune comportano gravi rischi e vanno monitorate: rosolia e toxoplasmosi.

Se la mamma rischia o ritiene di avere il rischio di ammalarsi di rosolia o toxoplasmosi durante la gravidanza la situazione va analizzata e affrontata serenamente. E’ inoltre importante mantenere una alimentazione corretta ed equilibrata con un controllo del peso corporeo. Le donne in sovrappeso, specie se affette da obesità, hanno maggior rischio di complicazioni come l’aborto spontaneo, il diabete gestazionale, l’ipertensione arteriosa, le difficoltà respiratorie. Anche per il bambino aumentano i rischi di nascere con problemi di salute. Correggendo e migliorando le abitudini alimentari è possibile raggiungere il peso più adatto prima della gravidanza e tenerlo sotto controllo durante la gravidanza stessa.

Altri fattori di rischio sono il fumo e l’alcool. Fumare riduce la fertilità della coppia e peggiora la condizione generale della madre. Aumentano i rischi di aborto spontaneo e persino i casi di morte del bambino dopo la nascita. Inoltre, i bambini nati da madri fumatrici hanno più frequentemente un peso più basso alla nascita e questo può causare una serie di difficoltà, sia nel periodo neonatale che nelle successive epoche di vita.

L’abuso di alcool è pericoloso sempre; lo diventa maggiormente in gravidanza quando, oltre ad avere effetti nocivi sulla salute della donna, ha effetti dannosi sul feto. E’ dimostrato che l’abuso di alcool è responsabile di una crescita ridotta del bambino, di disturbi del comportamento e di insufficienza mentale (sindrome fetoalcoolica).
Anche l’utilizzo di farmaci in gravidanza deve essere più che mai effettuato sotto stretto controllo medico, perché molti farmaci possono avere effetti negativi sul nascituro.

Ci sono poi forme di prevenzioni semplici da attuare come ad esempio aumentare considerevolmente la quantità di acido folico assunto:  vitamina che si è dimostrata di estrema importanza per ridurre il rischio di malformazioni dell’embrione. La  medicina mette poi oggi a disposizione tutta una serie di esami specialistici che possono consentire di prevenire molte problematiche. Eseguiti con regolarità e dietro consiglio del proprio medico di fiducia, consentono un monitoraggio del periodo di gravidanza, rendendo questa esperienza un momento positivo e sereno per la futura mamma.
 Tuttavia il corpo che muta e, di conseguenza, anche il proprio ruolo, provoca spesso una marcata instabilità emotiva. È questo il periodo in cui l’emotività e l’inconscio prendono il sopravvento, dando luogo a una sorta di “malessere fisiologico ” che precede l’acquisizione di un nuovo equilibrio.
È contemporaneamente una “fase evolutiva” e una “crisi mutativa ” che impone una riorganizzazione delle esperienze precedenti.
Durante i primi mesi di gravidanza la donna deve mettere in relazione le fantasie con la realtà del feto che cresce in lei: in principio nasce il desiderio di avere un bambino, desiderio che poi si concretizza e che deve fare i conti con la realtà.
Divenire madre presuppone un adeguamento della propria identità nel passaggio dal ruolo di figlia a quello di genitore. 

Questo processo, che inizia con la gravidanza e prosegue con la maternità, necessita di un riassestamento di tutte le componenti psichiche che si sono sviluppate durante le esperienze precedenti e che hanno caratterizzato la storia della donna. Per questo motivo la gravidanza viene definita come un “momento di crisi e confusione” perché la donna si trova a dover affrontare continui aggiustamenti che coinvolgono l’intera personalità, al fine di potersi spogliare dal ruolo di figlia, finora rivestito, e costruire una nuova immagine di sé L’attitudine materna, che è rappresentata dalla capacità di dare e di rendersi disponibile verso l’altro, dipende anche dal rapporto che si è avuto nell’infanzia con la propria madre e dalla sua disponibilità nei propri confronti. 

Diversi sono i meccanismi a livello psichico che accompagnano la gravidanza. Da un punto di vista psicologico il secondo trimestre è quello in cui la donna inizia ad avere un’immagine mentale del bambino, questo grazie anche alla percezione dei movimenti fetali che diventano la conferma della presenza del
bambino, e ai cambiamenti visibili del corpo che si trasforma.
È attraverso l’ascolto dei movimenti del proprio bambino, e il dialogo che si instaura tra i due, che si costruisce la relazione tra madre e feto.
 

Con l’inizio dell’ultimo trimestre, e in particolare dell’ultimo mese di gravidanza, la donna si trova di fronte a nuove modificazioni fisiologiche: il feto aumenta di peso e di volume, le contrazioni fisiologiche si possono accentuare, il corpo si trova a doversi adattare a nuovi cambiamenti.
Gli interrogativi saranno: “come sarà il parto?”, “come sarà il bambino?, che peso avrà? “. Il timore per il dolore e la capacità o meno di sopportarlo e superarlo accompagnano quest’ultimo periodo. Nella realtà il timore del dolore fisico e della propria capacità di poterlo affrontare, porta in sé anche il dolore emotivo per la
separazione e il concludersi della relazione privilegiata che madre e feto hanno vissuto durante tutti i mesi della gravidanza. L’interrogativo che spesso si sente pronunciare dalle donne è “sarò capace di partorire? ” che nasconde in sé un’altra domanda: “sarò capace di separarmi da questo bambino? “. 

 

Non si tratta di capricci: la gravidanza produce uno stato di labilità generale, e il comportamento, spesso difficile, è un’espressione psico-emotiva che va compresa e contenuta con molta dolcezza. Particolarmente delicato è il periodo che va dalla fine del primo trimestre all’inizio del secondo, quando vengono meno le capacità di difesa e di autocontrollo (regressione affettiva) per cui si fanno vivi conflitti emotivi, pensieri,
problemi ed esigenze che, in condizioni normali sono sepolti nel profondo dell’inconscio.
Inoltre queste problematiche iniziali di regressione affettiva rappresentano un momento delicato ma anche produttivo per il rafforzamento del rapporto di coppia perché offrono la possibilità di uno scambio profondo di pensieri e sentimenti del tutto particolari, che scomparirà poche settimane dopo il parto, quando si ricostituiranno le difese che ognuno mette a punto nei confronti della realtà esterna.

Madre non si nasce, si diventa. Così, durante la gravidanza, la futura mamma si accinge a diventare una “buona mamma”, relativamente adeguata e competente.
La gravidanza è la “storia di due corpi: un corpo contenente visibile ed un corpo invisibile in esso contenuto”, rimette la donna a confronto con la propria capacità di percepirsi come
un contenitore solido e in grado di accogliere il bambino al suo interno.
Essere madre è veramente una missione, ogni giorno e per sempre!

Negli studi medici specialistici dell’Ortopedia Cossia la GINECOLOGA, la PSICOLOGA, la DIETOLOGA,possono accompagnare le future mamme lungo il percorso della gravidanza. Inoltre, in presenza di patologie particolari, ci si può avvalere della consulenza di: CHIRURGO VASCOLARE, ORTOPEDICO, FISIATRA, NEUROLOGO, OSTEOPATA, FISIOTERAPISTA E PODOLOGA

IL REGGISENO SBAGLIATO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE!

E’ un dato di fatto che, nei paesi occidentali industrializzati, più del 90% delle donne indossa un reggiseno ma la maggior parte indossa  reggiseni inadeguati che possono diventare un rischio per la salute venendo meno la sua funzione di sostegno e benessere per l’apparato locomotore e per il seno. Ci sono casi in cui la taglia del reggiseno è stata misurata sbagliata: un errore frequente è che, in caso di seno prosperoso, la circonferenza del sottoseno venga misurata in maniere troppo abbondante. Molte donne non sanno che il seno viene sostenuto non soltanto dalle spalline, ma anche dalla fascia sottoseno, Inoltre bisogna tener presente che la taglia del reggiseno può cambiare in funzione dell’età, delle variazioni di peso e anche durante una terapia ormonale. Una taglia inadeguata di reggiseno può essere causa di disturbi cervico-brachiali, tensioni alla cintura scapolare, nella zona cervicale e della nuca, mal di testa, disturbi alle vertebre cervicali, ma anche mal di schiena nelle zone più basse della colonna vertebrale. Spalline sottili che stringono e che non vestono bene possono irritare e gravare sul muscolo trapezio e sulle strutture complesse delle articolazioni della spalla,

Il reggiseno non è solo un indumento ma un vero e proprio ausilio per la salute; acquistare il reggiseno giusto,  non solo perché piace, significa avere cura della propria estetica e della salute del proprio corpo.

 

L’ORTOPEDIA COSSIA a Somma Lombardo da quasi un secolo vende intimo e da sessant’anni si è specializzata nella produzione e vendita di corsetteria; nel nostro negozio si trovano più di settanta differenti taglie di reggiseni con coppe dalla “A” alla coppa “J”.

Da noi “ LA FEMMINILITA’ NON E’ UNA QUESTIONE DI TAGLIA”!!!